Comunicati stampa

Pagine

  • 15/07/2014
    SULLA WEB TV DELLA PROVINCIA IL VIDEO CONCLUSIVO DELL'UNIVERSIADE
    Presentato in occasione dell'incontro finale per i soci e i partner del 10 luglio scorso a Mezzocorona, il video che riassume il lavoro, le emozioni e i successi dell'Universiade invernale Trentino 2013 e' ora visibile sulla Web Tv della Provincia autonoma di Trento, con interviste e immagini esclusive che mostrano una sintesi dell'evento multidisciplinare che ha caratterizzato la scorsa stagione invernale sportiva. -

    Presentato in occasione dell'incontro finale per i soci e i partner del 10 luglio scorso a Mezzocorona, il video che riassume il lavoro, le emozioni e i successi dell'Universiade invernale Trentino 2013 e' ora visibile sulla Web Tv della Provincia autonoma di Trento, con interviste e immagini esclusive che mostrano una sintesi dell'evento multidisciplinare che ha caratterizzato la scorsa stagione invernale sportiva. -
    Per vederlo:
    http://www.webtv.provincia.tn.it/focus/-Universiade_Trentino_2013/pagina...

    2672
  • 10/07/2014
    UNIVERSIADE INVERNALE: IL TRENTINO PROTAGONISTA NEL MONDO
    "Una straordinaria macchina organizzativa" coso' Tiziano Mellarini, assessore alla cultura, cooperazione, sport e protezione civile della Provincia autonoma di Trento ha definito oggi l'Universiade invernale che si e' tenuta in Trentino lo scorso dicembre, citando il presidente della Fisu Claude-Louis Gallien, il quale aveva fatto i complimenti al comitato organizzatore per il successo dell'evento, tanto da segnalarlo come case history per le future esperienze organizzative. Mellarini ha sottolineando come il Trentino sappia fare sistema, lo ha dimostrato all'interno del valore sportivo, culturale e turistico che ha caratterizzato l'Universiade, ma anche in altre occasioni, come la recente organizzazione del Centenario della Grande Guerra. Durante l'incontro di questa mattina a Mezzocorona, nel quale e' stato presentato un resoconto finale e il bilancio sociale della manifestazione che ha caratterizzato la scorsa stagione invernale sportiva, l'assessore ha espresso il proprio sentimento d

    "Una straordinaria macchina organizzativa" coso' Tiziano Mellarini, assessore alla cultura, cooperazione, sport e protezione civile della Provincia autonoma di Trento ha definito oggi l'Universiade invernale che si e' tenuta in Trentino lo scorso dicembre, citando il presidente della Fisu Claude-Louis Gallien, il quale aveva fatto i complimenti al comitato organizzatore per il successo dell'evento, tanto da segnalarlo come case history per le future esperienze organizzative. Mellarini ha sottolineando come il Trentino sappia fare sistema, lo ha dimostrato all'interno del valore sportivo, culturale e turistico che ha caratterizzato l'Universiade, ma anche in altre occasioni, come la recente organizzazione del Centenario della Grande Guerra. Durante l'incontro di questa mattina a Mezzocorona, nel quale e' stato presentato un resoconto finale e il bilancio sociale della manifestazione che ha caratterizzato la scorsa stagione invernale sportiva, l'assessore ha espresso il proprio sentimento di gratitudine e quello del Presidente della Provincia Ugo Rossi verso quanti si sono prodigati con impegno, passione e competenza per la riuscita di Trentino 2013. -
    "Il Trentino nell'Universiade ha rappresentato l'Italia", ha sottolineato
    Mellarini esprimendo un ringraziamento non solo ai membri del comitato, ma
    anche ai volontari, ai giovani, alle istituzioni che si sono impegnate per la
    realizzazione dell'evento, in particolare ai Presidenti della Provincia
    autonoma Lorenzo Dellai e Alberto Pacher, che sono stati presenti fin dalla
    prima idea iniziale e a Marta Dalmaso, presente oggi all'incontro, assessore
    provinciale all'Istruzione e spot della scorsa legislatura. l'Universiade e'
    stata caratterizzata dalla capacita' di accoglienza e ospitalita', da una
    gestione oculata delle risorse e dall'incontro fra giovani appartenenti a tanti
    popoli diversi, che grazie a questa occasione il Trentino e' riuscito ad
    avvicinare. Organizzata in solo 15 mesi e con un budget ridotto all'osso
    rispetto alle precedenti edizioni, l'Universiade ha evidenziato le grandi
    potenzialita' della rete di volontariato sociale e sportivo del territorio -
    sono stati infatti 2.100 i volontari impegnati - avvalendosi della grande
    dotazione strutturale e infrastrutturale del Trentino. Questa esperienza ha
    lasciato un'importante eredita', come ha evidenziato Sergio Anesi, presidente
    del comitato organizzatore, non solo perché ha generato un indotto di 14,6
    milioni di euro, con oltre 30.000 pernottamenti, ma anche per il significativo
    ritorno di immagine. Basti solo pensare al mezzo miliardo di contatti
    (giornali, radio, tv e social network), che l'area comunicazione ha registrato
    per l'evento, con 630 ore di trasmissioni televisive e 136 milioni di
    spettatori in tutto il mondo. Dopo questa esperienza, lo sport come veicolo di
    innovazione, come ha ricordato il professor Paolo Bouquet, vicepresidente del
    comitato, e' entrato a pieno titolo nell'asse formazione, ricerca e
    trasferimento tecnologico che caratterizzano il piano strategico
    dell'Universita' di Trento.(sm)

    2671
  • 18/03/2014
    MELLARINI: "NESSUNA CANDIDATURA UFFICIALE PER LE OLIMPIADI INVERNALI 2026"
    "Non c'e' nessuna candidatura ufficiale del Trentino ad ospitare le Olimpiadi invernali del 2026": questa la precisazione dell'assessore provinciale allo sport Tiziano Mellarini in merito alle sue dichiarazioni di ieri in Commissione consiliare. Spiega l'assessore: "Intendevo ricordare il successo ottenuto nell'organizzare le recenti Universiadi, ed il commento positivo a questo proposito del presidente del Coni Giovanni Malagò".-

    "Non c'e' nessuna candidatura ufficiale del Trentino ad ospitare le Olimpiadi invernali del 2026": questa la precisazione dell'assessore provinciale allo sport Tiziano Mellarini in merito alle sue dichiarazioni di ieri in Commissione consiliare. Spiega l'assessore: "Intendevo ricordare il successo ottenuto nell'organizzare le recenti Universiadi, ed il commento positivo a questo proposito del presidente del Coni Giovanni Malagò". -
    La precisazione e' d'obbligo: allo stato attuale non si può parlare di una
    candidatura ufficiale di Trento o del Trentino ad ospitare le Olimpiadi
    invernali del 2026. "Mi sono limitato - spiega l'assessore Mellarini - a
    spiegare le motivazioni che avevano portato alla decisione di ospitare
    l'Universiade, considerata manifestazione di grande richiamo internazionale e
    veicolo di promozione per il Trentino. Ho ricordato inoltre che, per il
    presidente del Coni Giovanni Malagò, il Trentino, che ha ben figurato ospitando
    l'Universiade, avrebbe tutti i numeri per candidarsi ad ospitare il grande
    evento sportivo. Il regolamento della manifestazione, ho spiegato, prevede però
    che sia una citta' e non un territorio piu' vasto ad avanzare la propria
    candidatura. Tutto qui. Allo stato attuale non c'e' quindi nessuna candidatura
    ufficiale anche se e' innegabile che sia un'ipotesi molto suggestiva. Per il
    Trentino sarebbe un grande risultato ospitare anche le olimpiadi giovanili."

    2647
  • 21/01/2014
    UNIVERSIADE: DOMANI SU EUROSPORT UNA PUNTATA DEDICATA A TRENTINO 2013
    "Campus", il magazine video di Eurosport che racconta i Campionati del mondo universitari organizzati dalla FISU (Federazione Internazionale Sport Universitari) mandera' in onda domani, mercoledo' 22 gennaio, alle ore 19, una edizione speciale sull'Universiade Invernale. Trentino 2013 sara' dunque di nuovo protagonista dello sport internazionale, grazie alla diffusione di immagini della manifestazione che si e' conclusa esattamente un mese fa. -

    "Campus", il magazine video di Eurosport che racconta i Campionati del mondo universitari organizzati dalla FISU (Federazione Internazionale Sport Universitari) mandera' in onda domani, mercoledo' 22 gennaio, alle ore 19, una edizione speciale sull'Universiade Invernale. Trentino 2013 sara' dunque di nuovo protagonista dello sport internazionale, grazie alla diffusione di immagini della manifestazione che si e' conclusa esattamente un mese fa. -
    Con l'Universiade invernale 2013 Eurosport 1, presente in Europa, nel periodo
    delle competizioni ha triplicato l'audience rispetto alle Universiadi estive di
    Kazan, che gia' avevano fatto segnare valori record. Ricordiamo che per Trentino
    2013 sono stati diffuse circa 500 ore totali di diretta Tv, visibili in 70
    nazioni, un vero primato per l'edizione che ha visto presenti 50 delegazioni,
    con oltre 2.700 partecipanti provenienti da ogni parte del mondo. (sm)

    2640
  • 17/01/2014
    UNIVERSIADE: UN GRANDE HAPPENING PER DIRE GRAZIE AI VOLONTARI
    Una festa durata fino quasi all'alba ha sancito la chiusura in bellezza della 26^ Universiade invernale e festeggiato chi ha contributo a realizzare questo grande evento. Sono stati i volontari i grandi protagonisti della serata ospitata nella palestra di Sanbapolis, che sino a qualche giorno fa era sede degli uffici operativi dell'Universiade. Ne erano presenti un migliaio, in rappresentanza dei 2.200 giovani e meno giovani che hanno reso possibile un vero e proprio miracolo: organizzare l'Universiade in Trentino in poco piu' di un anno, contro i 6 mediamente necessari per coso' grandi manifestazioni. A loro rivolge un pensiero di gratitudine il presidente Ugo Rossi, che non ha potuto partecipare all'incontro per impegni istituzionali a Roma: "Il sogno dell'Universiade e' diventato una realta', con dei risultati di altissimo livello, che tanti hanno concorso a realizzare, in modo particolare i volontari di ogni eta', che hanno dato il meglio di sé per far vincere al Trentino questa scomme

    Una festa durata fino quasi all'alba ha sancito la chiusura in bellezza della 26^ Universiade invernale e festeggiato chi ha contributo a realizzare questo grande evento. Sono stati i volontari i grandi protagonisti della serata ospitata nella palestra di Sanbapolis, che sino a qualche giorno fa era sede degli uffici operativi dell'Universiade. Ne erano presenti un migliaio, in rappresentanza dei 2.200 giovani e meno giovani che hanno reso possibile un vero e proprio miracolo: organizzare l'Universiade in Trentino in poco piu' di un anno, contro i 6 mediamente necessari per coso' grandi manifestazioni. A loro rivolge un pensiero di gratitudine il presidente Ugo Rossi, che non ha potuto partecipare all'incontro per impegni istituzionali a Roma: "Il sogno dell'Universiade e' diventato una realta', con dei risultati di altissimo livello, che tanti hanno concorso a realizzare, in modo particolare i volontari di ogni eta', che hanno dato il meglio di sé per far vincere al Trentino questa scommessa. A quanti hanno collaborato alla buona riuscita dell'evento va il mio personale grazie: per l'energia, l'entusiasmo, la competenza messe a disposizione spesso gratuitamente. Penso in modo speciale ai tanti giovani che si sono adoperati per l'organizzazione dell'Universiade e sono orgoglioso che abbiamo potuto condividere il nostro valore fondamentale, la nostra capacita' di autogoverno, con chi e' venuto da ogni parte del mondo per vivere questa esperienza". -
    Anche l'assessore allo sport Tiziano Mellarini, presente in sala, ha voluto
    sottolineare il valore dell'autonomia trentina e rivolgendosi ai volontari ha
    detto: 'Voi siete la migliore risposta alla esternazioni di questi giorni sul
    significato e il valore dell'autonomia speciale. Il volontariato, nelle sue
    varie articolazioni sociale, culture, di solidarieta' e sportivo, e' il valore di
    questa terra e voi ne rappresentate l'anima. Siete un patrimonio importante che
    ci permette si continuare a sognare'.
    A tutti i partecipanti si sono rivolti per un saluto anche il presidente del
    comitato organizzatore Sergio Anesi, la Rettrice dell'Universita' di Trento
    Daria De Pretis, il sindaco di Trento Alessandro Andreatta, il vicepresidente
    del Cusi Artemio Carra e il questore Giorgio Iacobone. 'L'Universiade siete
    voi. Quella che sembrava una scommessa azzardata e' diventata una splendida
    realta' grazie a tutti noi ed e' oggi un modello di riferimento per il futuro' ha
    esordito Anesi, accendendo l'entusiasmo della platea. Ha ricordato poi una
    frase del grande campione azzurro Pietro Mennea: 'la fatica non e' ma sprecata:
    soffri ma sogni', per ringraziare 'i volontari con la v maiuscola, i tanti
    colleghi volontari-professionisti, il personale dei dipartimenti e servizi
    della Provincia autonoma di Trento, dell'Universita', del Comune di Trento,
    della valli e delle aziende collegate, che hanno dato il meglio di loro
    stessi'.
    L'apporto dato dall'Universita' e dagli oltre 400 studenti-volontari e' stato
    ricordato dalla Rettrice Daria de Pretis. Elogi e apprezzamenti per il grande
    lavoro di squadra e il grande valore di promozione del Trentino nel mondo sono
    venuti anche dal sindaco di Trento Alessandro Andreatta e dal vicepresidente
    del Cusi, Artemio Carra. 'È stata la migliore delle Universiadi sinora
    organizzate in Italia', ha detto quest'ultimo.
    Ai quattro rappresentanti delle istituzioni promotrici della 26^ Universiade
    Invernale, oltre che al Questure Giorgio Iacobone, il presidente Anesi ha
    consegnato la torcia 'Genziana delle Alpi' e una medaglia ufficiale
    dell'evento. Riconoscimenti sono andati anche ai membri del comitato direttivo,
    ai capiarea del comitato organizzatore e ai rappresentanti delle venue di gara:
    Pine', Pergine, Trento, Monte Bondone, Cavalese, Tesero, Predazzo, Passo San
    Pellegrino, Pozza di Fassa e Canazei. Ad Anesi e a Bazzanella e' stato
    consegnato il libro realizzato dall'area comunicazione, che riunisce i
    bollettini quotidiani realizzati dall'ufficio stampa negli undici giorni di
    gare.
    A tutti i volontari e' andato il diploma che attesta la partecipazione
    all'organizzazione di Trentino 2013 e una busta con l'annullo filatelico
    ufficiale del Vaticano e delle Poste Italiane per la cerimonia di accensione e
    benedizione della fiaccola da parte di Papa Francesco.(sm)

    Foto D. Mosna - Comitato Organizzatore WUTrentino 2013

    2639
  • 16/01/2014
    Sulla web tv della Provincia: Universiade Trentino, una scommessa vinta grazie ai volontari
    È passato poco più di un mese dall'inizio dell'Universiade Trentino 2013, ma il ricordo di quei giorni è ancora vivo per tutti. Le telecamere del Tg Giovani hanno deciso di far rivivere l'emozione di quei giorni attraverso la voce di chi si è messo a disposizione volontariamente. Sono stati infatti 1.300 i volontari ufficiali, ai quali si aggiungono quelli dei Vigili del fuoco e della Protezione civile, che hanno contribuito a far funzionare la macchina organizzativa dell'Universiade nei ruoli più diversi. Tutto questo è raccontato nel nuovo speciale del TG Giovani.

    Gli speciali del TG Giovani sono a cura dell’Ufficio Stampa della Provincia autonoma di Trento, in collaborazione con l’Agenzia per la famiglia, la natalità e le politiche giovanili.

    Il n. 27 della serie 2013/2014, dal titolo "Universiade Trentino: una scommessa vinta grazie ai volontari”, curato da Gianna Zortea, lo si può vedere alla seguente pagina internet: http://www.webtv.provincia.tn.it/speciali_tg_giovani_web o direttamente sul canale Youtube https://www.youtube.com/watch?v=_iDg3QkOIgU&list=PLVZtXTTz1z5lco0uztRGm_ZIp3Adq3OGO&index=1 

    2636
  • 09/01/2014
    NOVE VIDEO PER RACCONTARE UNA SCOMMESSA VINTA
    Organizzare undici giorni di gare con 3.600 tra atleti e allenatori da 61 paesi del mondo senza che questo produca un grammo in piu' di emissioni nocive per l'atmosfera: e' stata la scommessa vinta dall'Universiade 2013, ospitata a Trento e nelle valli limitrofe dall'11 al 21 dicembre 2013. L'olimpiade invernale degli universitari ha avuto, per la prima volta, una chiara impronta green. -

    Organizzare undici giorni di gare con 3.600 tra atleti e allenatori da 61 paesi del mondo senza che questo produca un grammo in piu' di emissioni nocive per l'atmosfera: e' stata la scommessa vinta dall'Universiade 2013, ospitata a Trento e nelle valli limitrofe dall'11 al 21 dicembre 2013. L'olimpiade invernale degli universitari ha avuto, per la prima volta, una chiara impronta green. -
    Sono state molte le azioni messe in atto per compensare le 20.000 tonnellate di
    CO2 prodotte dall'evento: in particolare si e' puntato su una mobilita'
    collettiva con bus a metano e a idrogeno, sulla riduzione delle temperature
    degli edifici pubblici con la collaborazione dei Comuni trentini, su un rigido
    controllo sulla gestione dei rifiuti, sulla scelta di usare solo legno
    certificato PEFC per le strutture delle gare: e' stato un evento planetario che
    e' riuscito a coniugare insieme ambiente, sport e cooperazione. Sono stati
    infatti 1.300 i volontari ufficiali ai quali si aggiungono quelli dei vigili
    del fuoco e della protezione civile.
    Tutti questi aspetti dell'Universiade sono raccontati in nove "video-pillole"
    presenti sulla Web Tv dell'Ufficio Stampa all'indirizzo
    http://www.webtv.provincia.tn.it/focus/-Universiade_Trentino_2013/ . I video,
    realizzati da Green Press, raccontano i punti cardine di questa Universiade,
    che ha fatto da apripista per le future manifestazioni sportive. (g.z.)

    2634
  • 02/01/2014
    LA PARTENZA DELLA STAGIONE INVERNALE NE "LA PROVINCIA INFORMA"
    La stagione invernale e' partita in pieno. A fare da traino, oltre ai mercatini di Natale e alle numerose proposte culturali, anche l'Universiade, evento di portata mondiale che ha calamitato l'attenzione sul Trentino. Se ne parla nella puntata de "La Provincia informa" - settimanale televisivo prodotto dall'Ufficio stampa della Provincia autonoma di Trento - del 3 gennaio 2014. -

    La stagione invernale e' partita in pieno. A fare da traino, oltre ai mercatini di Natale e alle numerose proposte culturali, anche l'Universiade, evento di portata mondiale che ha calamitato l'attenzione sul Trentino. Se ne parla nella puntata de "La Provincia informa" - settimanale televisivo prodotto dall'Ufficio stampa della Provincia autonoma di Trento - del 3 gennaio 2014. -
    La puntata contiene un'intervista agli assessori provinciali Mellarini e
    Dallapiccola e al presidente del comitato organizzatore dell'Universiade Sergio
    Anesi.
    "La Provincia informa' e' disponibile anche in Internet, al sito
    www.uffstampaprovincia.tn.it dove e' possibile inoltre consultare la
    programmazione della puntata. Copia del programma può essere richiesta anche a
    Format - Centro audiovisivi della Provincia autonoma di Trento, in Via Zanella
    10/2 a Trento (tel. 0461 495117 e-mail format@provincia.tn.it).

    Ecco la programmazione delle tv:

    RTTR
    03/01/2014 19:45 a 23:32 a 00:30 a 01:44 a 02:30 a 05:00
    04/01/2014 10:24 a 13:23 a 14:26
    05/01/2014 10:00 a 18:44

    TCA TRENTINO TV
    da lunedo' a domenica
    alle 6:50 e alle 11:30

    TELEPACE TRENTO
    martedo' alle 13.30 e alle 20.25
    mercoledo' alle 20.30

    2651
  • 21/12/2013
    AL CANADA L'ULTIMO ORO DELLE UNIVERSIADI TRENTINO 2013
    Battuto 6-2 il Kazakistan nella finale di hockey maschile

    Va al Canada l'ultima medaglia d'oro della Winter Universiade Trentino 2013. La formazione nordamericana supera il Kazakistan nella finale del torneo di hockey maschile disputata alla Scola Arena di Alba di Canazei: 6 a 2 il risultato finale, figlio di un dominio totale dei canadesi sui kazaki, che si devono accontentare dell'argento. I ragazzi di coach MacDougall si portano a casa il metallo più prezioso dopo il bronzo dell'Universiade del 2011, concludendo un cammino praticamente perfetto. I kazaki pagano invece la bellezza di 155 minuti di penalità, tra cui tre penalità partita condite dall'espulsione per proteste di coach Plyuchshev. “Siamo molto contenti per questa vittoria – ha spiegato il capitano del Canada, Chris Culligan, protagonista con due goal e un assist – il Kazakistan è un ottima squadra, non potevamo aspettarci una vittoria così larga, anche perché tutto può succedere in una partita di hockey: ci godiamo questa vittoria, i ragazzi se la meritano”.

    Eppure, dopo soli 14 secondi del primo tempo, a passare in vantaggio è il Kazakistan, con Alexandr Shin che capitalizza al meglio l'assist di Rymarev. La rete si dimostra però soltanto un fuoco di paglia, perché il Canada reagisce, raggiungendo il pareggio al 03:39 con Mike Cazzola, per poi trovare altre due reti nei minuti successivi, con Josh Day e Matt Maione, il cui tiro viene fortuitamente deviato in rete da Metalnikov.

    In avvio di secondo periodo, al 25:24, il goalie kazako capitola per la quarta volta: di Chris Culligan il 4 a 1 canadese. La truppa di coach Plyuchshev si fa prendere dal nervosismo e comincia a concedere ripetuti powerplay agli avversari, oltre che a ben due penalità partita: negli spogliatoi finiscono Kaznacheyev, per una carica alla testa, e Vorontsov, per spearing. Al 32:03 così il Canada ringrazia e trova il 5 a 1 in doppia superiorità numerica, con un bel tiro di Nick MacNeil.

    Il terzo periodo è una formalità per i nordamericani e il Kazakistan, sempre più nervoso, subisce altre penalità e viene espulso per proteste anche coach Vladimir Plyuchshev: il Canada infila la sesta rete al 48:32, ancora con Culligan che in doppia superiorità fa fuori Yankov con un preciso tiro al volo. I kazaki provano a tirare fuori l'orgoglio accorciando le distanze con Shin, poi decidono di farsi giustizia in altro modo: Petrov e DeSousa finiscono anzitempo negli spogliatoi, seguiti poco dopo da Zharkikh, Ramazanov, Desnoyers e MacNeil, anche loro protagonisti di un fight. Poi la sirena finale, che sancisce la doppietta canadese.

    Finale 1°-2° posto hockey maschile:

    Kazakistan-Canada 2-6 (1-3, 0-2, 1-1)
    Qui il tabellino: http://winteruniversiade2013.sportresult.com/fisu/en/-60/Root/ViewPdf/IHM400101_C74_4.0.pdf

    2610
  • 21/12/2013
    LE 234 MEDAGLIE DELLA XXVI WINTER UNIVERSIADE TRENTINO 2013
    C'è Mirko Giacomo Nenzi nel club dei maggiori protagonisti

    Sono state 234 le medaglie assegnate nel corso della XXVI Winter Universiade Trentino 2013, con 32 nazioni entrate nel medagliere dominato dalla Russia, forte di un bottino composto di 15 ori, 16 argenti e 18 bronzi per un totale di 49 presenze sul podio. Un numero più che doppio rispetto a quello delle immediate inseguitrici, la Polonia che ha raccolto 23 medaglie (10 ori, 10 argenti e 3 bronzi) e la Corea il cui bottino ha raggiunto 24 podi di cui 8 d'oro, 9 d'argento e 7 di bronzo.

    A livello individuale sono invece 55 gli atleti capaci di raccogliere più di una medaglia, una graduatoria in cui spicca un quartetto di protagonisti che se ne torna a casa con quattro presenze sul podio.

    Precedenza al gentil sesso e quindi spazio alla pattinatrice coreana Kim Bo Reum che ha raccolto 2 ori (1500 e Inseguimenti) e 2 argenti (3000 e 5000), imitata dalla biathleta polacca Weronika Nowakowska-Ziemniak, vincitrice di Sprint e Pursuit e seconda nell'individuale e nella mass start.

    A far loro compagnia a quota quattro sono il fondista russo Raul Shakirzianov (oro nello skiathlon, argento nella staffetta, bronzo nella staffetta mista e nell'individuale) ed il pattinatore azzurro Mirko Giacomo Nenzi, grande protagonista di Trentino 2013 grazie al trionfo nei 1000 metri, agli argenti nei 500 e nei 1500 e al bronzo nell'inseguimento.

    Il 24enne veneziano delle Fiamme Gialle entra anche nella speciale statistica degli atleti capaci di raccogliere una medaglia per ciascun metallo: con lui in questo ristretto circolo ci sono anche il saltatore russo Mikhail Maksimochkin (oro nella prova mista, argento nella prova a squadre, bronzo nell'individuale dall'HS106) ed il biathleta ucraino Dmytro Pidruchnyi, vincitore della Mass Start dopo aver già conquistato il bronzo nella sprint e l'argento nella staffetta mista.

    Ben dodici atleti infine hanno saputo raccogliere 2 ori, tra questi merita una menzione particolare il serbo Milanko Petrovic, unico capace di imporsi in due discipline differenti, biathlon (sprint) e sci di fondo (individuale).

    2593
  • 21/12/2013
    SNOWBOARD: PRIMO ORO ASSOLUTO PER LA NUOVA ZELANDA ALLA WINTER UNIVERSIADE
    Nella gara maschile vince lo svizzero Philippe Haenni

    Successi storici nell'ultima gara del programma di snowboard della Winter Universiade Trentino 2013 sul Monte Bondone. Grazie alla performance di Natalie Good, la Nuova Zelanda ha vinto il primo oro in assoluto in una competizione universitaria invernale, mentre la Svizzera ha conquistato con Philippe Haenni la prima vittoria di questa Winter Universiade Trentino 2013. La squadra elvetica ha piazzato complessivamente 4 atleti sul podio, uno dei quali, Rafael Imohof, per la seconda volta in pochi giorni, dopo il bronzo nell’halfpipe.

    Natalie Good aveva disputato buone qualifiche, ma è stata la combinazione di figure della prima run di finale a convincere i giudici, che l’hanno premiata con 81.25. Alle sue spalle, due atlete elvetiche: Carla Somaini (78.25), ventiduenne dell'università di Basilea, e Caroline Hoeckel, ventenne dell’Università di Berna, che ha consolidato il bronzo con la seconda discesa (74.15), dopo che già nella prima era arrivata a quota 71.25. Tra le grandi deluse due canadesi Audrey McManiman (di gran lunga la migliore in qualifica: 74.25) e Tamara Truchon, che in finale è riuscita ad ottenere poco più della metà del punteggio della qualificazione: per loro soltanto il quarto e il quinto posto.

    In campo maschile, Philippe Haenni ha dovuto soffrire nella fase iniziale perché fino nelle qualifiche non avevo completato alcuni salti. Poi però, ha messo in riga gli avversari nella prima run della finale con 86.25. Argento per l'americano Billy Wandling, che ha piazzato una seconda discesa formidabile da 84.75 punti. Di nuovo terzo, come nella prova di halfpipe, Rafael Imhof che non è riuscito a migliorarsi rispetto alla qualifica (84.25) e che nella prima manche ha totalizzato 80.85, sufficienti per restare sul podio nonostante il disperato assalto del coreano Nam Seung-Yeun, il migliore durante le prove di ammissione (88 e 85.5), ma solo sesto nella graduatoria finale.

    Le interviste

    Gara femminile:

    Natalie Good (oro), 23 anni, University of Waikato: “Sono felicissima. Speravo nella medaglia d'oro, ma non me l'aspettavo assolutamente, sono senza parole. È la mia prima medaglia d'oro, ma soprattutto il primo oro della Nuova Zelanda alle Universiadi invernali. Sono molto orgogliosa della mia prestazione. Non sarò all’Olimpiade Sochi perché non mi sono qualificata, ma spero che mi possiate vedere a quelle successive. Il Trentino e questa competizione mi resteranno sicuramente nel cuore”.

    Carla Somaini (argento), 22 anni, iscritta all’Università dello Sport di Basilea: “Il podio era il mio obiettivo. Quale gradino? Nessuno in particolare, l’importante era salirci. Sono contenta perché questo è il più importante successo della carriera”.

    Caroline Hoeckel, 20 anni, studentessa dell’Università di Berna, scoppia in lacrime: “Non me lo sarei mai aspettato, perché in realtà avevo smesso di fare competizioni di snowboard. Sono venuta qui praticamente solo per divertirmi, invece, poi mi sono sentita meglio di qualunque altra gara. Nonostante questa medaglia non farò più gare, ma sicuramente proseguirò a divertirmi sulla tavola”.

    Gara maschile:

    Philippe Haenni (oro), 24 anni, studente di Sport e Musica a Berna: “È il più grande successo della mia carriera. Non pensavo di vincere. E non sapevo nemmeno che gara sarebbe stata perché non conoscevo gli avversari. Dopo le qualifiche ho capito che saremmo stati in tanti a giocarci la vittoria. Considerata la scarsità di neve, il tracciato è stato preparato veramente bene”.

    Billy Wandling (argento), 21 anni, Westeminster College: “Sono orgoglioso e contentissimo del mio debutto all'Universiade. Speravo di ottenere un buon risultato, ma venerdì sono caduto durante l'allenamento e mi sono fatto male ad una spalla. Ho potuto gareggiare oggi nelle migliori condizioni solo grazie all'aiuto di medico, massaggiatore e fisioterapista che mi hanno rimesso in sesto”.

    Rafael Imhof (bronzo), 22 anni, studente di turismo a Siders: “A questa medaglia non pensavo: la mia gara era l'Halpipe. A questa ho partecipato solo per divertirmi, ma è andata benissimo. Non dimenticherò questa Universiade: è una competizione diversa, che si affronta con un altro spirito. La soddisfazione più grande? Sicuramente vedere quattro svizzeri sul podio del Monte Bondone”.

    La classifica finale maschile: http://winteruniversiade2013.sportresult.com//HIDE/en/-60/Root/ViewPdf/SBM070100_C73S1_1.0.pdf

    La classifica finale femminile: http://winteruniversiade2013.sportresult.com//HIDE/en/-60/Root/ViewPdf/SBW070100_C73S1_1.0.pdf

    2587
  • 21/12/2013
    TRENTA CHILOMETRI DI FONDO: PELLEGRIN CI PROVA MA E' 4°
    Dominio russo: con Skobelev, Vokuev e Feller

    La Russia ha dominato la scena nella 30km mass start in tecnica classica che ha chiuso il programma dello sci di fondo alla XXVI Winter Universiade Trentino 2013. Podio completamente russo, con Vladislav Skobelev (1:23:14.2) a precedere i compagni di colori Emil Vokuev (+2.4) e Andrey Feller (+4.6): i tentativi dell'italiano Mattia Pellegrin non sono stati sufficienti per scalfire la supremazia russa e così il 24enne trentino di Moena si è dovuto accontentare del quarto posto, a 7.8 secondi dal vincitore.

    Pellegrin ha affrontato la gara costantemente nelle posizioni di vertice: già nella sua frazione della staffetta di giovedì aveva dimostrato di avere il passo giusto in tecnica classica ma nonostante il suo allungo l'Italia non era riuscita a chiudere sul podio. Oggi il fassano delle Fiamme Oro ci ha riprovato, ma senza riuscire a sfuggire alla morsa russa. Anzi, nel finale i tre russi hanno imposto l'accelerazione decisiva, conquistando l'intero podio con il ventiseienne Skobelev a mettersi al collo la medaglia d'oro davanti al 21enne Vokuev (già oro nella Team Sprint) e al 25enne Feller.

    Per Pellegrin, studente dell'Università telematica di Torino, è rimasto l'effimero titolo di primo tra i non-russi: una piccola soddisfazione, ma senza medaglia. Al quinto posto si è quindi piazzato il 24enne norvegese Rune Mario Oedegaard, componente del quintetto che ha caratterizzato il finale di gara.

    Vladimir Skobelev (RUS): "È stata un’Universiade incredibile per tutti noi. Questa gara è stata la dimostrazione che abbiamo fatto tutti un’ottima preparazione e per questo vogliamo ringraziare tutto il team e gli allenatori".

    Andrey Feller (RUS): "Temevo più di tutti l’italiano e ho tenuto le ultime energie proprio per lo sprint. Siamo stati un po' fortunati nel completare un risultato così, Pellegrin poteva beffarci in qualsiasi momento."

    Mattia Pellegrin (ITA): “All’ultima salita ho provato ad allungare, ma il fondo era un po’ ghiacciato e in volata siamo arrivati tutti insieme. Complimenti a loro, fanno davvero paura nel finale.

    RISULTATI http://winteruniversiade2013.sportresult.com/fisu/en/-60/Root/ViewPdf/CCM730101_C73E_1.0.pdf

    2565
  • 21/12/2013
    IL PROGRAMMA DI SABATO 21 DICEMBRE
    Si chiude con gli ultimi 4 titoli

    L'ultima giornata della XXVI Winter Universiade Trentino 2013 mette in palio 4 titoli con lo sci di fondo protagonista a Lago di Tesero con la 30km in tecnica classica (il via alle 10), lo snowboard sul Monte Bondone con lo Slopestyle maschile e femminile (11:30) ed infine l'hockey maschile ad Alba di Canazei nella partita che precederà la cerimonia di chiusura di Trentino 2013, programmata alla Scola Arena a partire dalle ore 18.

    GLI ITALIANI IN GARA
    Nello slopestyle sono iscritti Federico Ghezze, il trentino Giorgio Varesco e Greta Felder mentre nella 30km di fondo. Nessun italiano risulta iscritto nella 30km di fondo.

    CERIMONIE DI PREMIAZIONE
    Tutte le medaglie verranno consegnate al termine di ciascuna competizione sul rispettivo campo di gara.

    PROGRAMMAZIONE TV
    La Rai seguirà in diretta le Universiadi su RaiSport 2 la Mass Start maschile di fondo al via alle 10

    Sarà inoltre possibile seguire l'ultima giornata della XXVI Winter Universiade su Eurosport:

    8:30 - Salto, HS134 (replica) su Eurosport 1
    9:00 - Short Track, staffette (replica) su Eurosport 2
    12:00 - Snowboard, SlopeStyle su Eurosport 2
    15:00 - Hockey, Finale maschile su Eurosport 2

    2388
  • 20/12/2013
    HOCKEY FEMMINILE, TERZO ORO CONSECUTIVO PER IL CANADA ALL'UNIVERSIADE.
    Bronzo agli Stati Uniti

    È il Canada ad aggiudicarsi il torneo di hockey femminile alla XXVI Winter Universiade Trentino 2013 con un secco 5 a 0 sulla Russia. Quella ottenuta allo Stadio del Ghiaccio di Pergine, la formazione nordamericana ha conquistato la terza vittoria consecutiva alle Universiadi. La squadra allenata da Howie James Draper parte subito forte e nel primo drittel realizza la loro prima rete al quattordicesimo minuto di gioco grazie all'azione di Jessica Pinkerton. Le russe, però, non rendono loro la vita facile e cercano continuamente di rientrare in partita. Nel secondo periodo, grazie ad una mischia sotto porta, le canadesi allungano con le marcature di Smith e Clement Heydra. Nel finale del terzo periodo arrivano anche il gol di Brooker e la seconda realizzazione di giornata per Smith. Il Canada continua così la sua striscia positiva: nemmeno una sconfitta da quando l’hockey femminile è stato inserito nel programma delle Universiadi.
     
    Interviste
     
    Kim Deschenes – capitano della squadra canadese: "È stata una partita bellissima e per la nostra nazione è un orgoglio vincere per la terza volta di fila questi giochi universitari. Per quel che mi riguarda, farò festa tutta la notte insieme alle mie compagne che in queste due settimane hanno reso quest'avventura sportiva un'esperienza indimenticabile. Spero di poter ritornare in Trentino ancora in futuro, è una terra splendida che mi affascinato".
     
    Elina Mitrofanova – capitano della squadra russa: "Per noi è un argento che vale oro. Non avremmo mai pensato di salire sul podio prima dell’inizio del torneo. Siamo arrivati qui in Trentino come outsider e abbiamo dato il tutto e per tutto in quest'ultima partita, cercando di arginare il più possibile il loro strapotere fisico. Il Canada era più forte e ha meritato di vincere".

    Nel pomeriggio, sempre a Pergine, si è invece disputata la finale per il terzo posto: a vincerla sono stati gli Stati Uniti, che hanno sconfitto per 3 a 1 il Giappone. A 17'03” del primo periodo le statunitensi approfittano di un doppio poweplay per passare in vantaggio con Monica Korzon, ma allo scadere (19:49) il Giappone trova la via del pareggio con Rio Sakamoto. Il secondo periodo non modifica il risultato e bisogna quindi passare al terzo tempo per registrare l'accelerata delle americane, che allungano prima con Katelyn Augustine (2:30) e chiudono quindi i conti con Hayley Williams (19:57).

    Il bronzo va agli Stati Uniti con il capitano Ramey Weaver che commenta così la giornata: "Per noi è una cosa eccezionale, non avremmo mai pensato di far così bene. Ora ci siamo meritate una bella festa, questa manifestazione ci ha permesso di creare un forte spirito di squadra".

    Finale 1°/2° posto:

    Canada-Russia 5-0 (1-0, 2-0, 2-0)
    Tabellino: http://winteruniversiade2013.sportresult.com/fisu/en/-60/Root/ViewPdf/IHW400101_C74_3.0.pdf

    Finale 3°/4° posto:

    Stati Uniti-Giappone 3-1 (1-1, 0-0, 2-0)
    Tabellino: http://winteruniversiade2013.sportresult.com/fisu/en/-60/Root/ViewPdf/IHW400102_C74_3.0.pdf

    2547
  • 20/12/2013
    HOCKEY MASCHILE: LA FINALE SARA' CANADA-KAZAKISTAN
    Sarà Canada-Kazakistan la finale di hockey maschile della Winter Universiade Trentino 2013

    Sarà Canada-Kazakistan la finale di hockey maschile della Winter Universiade Trentino 2013. Dopo la vittoria dei canadesi contro la Russia, infatti, i kazaki hanno avuto la meglio sugli Stati Uniti con un inequivocabile 5 a 1. Serata da dimenticare per il goalie statunitense Wyatt Waselenchuk, mentre i ragazzi di coach Plyuchshev hanno sempre tenuto in mano il pallino del gioco, sapendo anche reagire al goal di Murphy che nel terzo periodo aveva provato a lanciare la rimonta americana. Domani alle 10.30 al via la finale per il bronzo, tra Russia e USA, alle 14.30 di scena il big match per la conquista della medaglia d'oro.

    Tornando alla cronaca del match, buona prima frazione della compagine kazaka, che prima va vicino al goal con Alexandr Shin, che sbaglia clamorosamente a porta vuota, poi va in rete al 07:36 con lo stesso numero 17 che devia in rete il tiro di Lipin. Stati Uniti a un passo dal pareggio dopo un breakaway di McAuliffe, neutralizzato da Yankov, poi ancora Kazakistan vicino al raddoppio con un bolide di Petrov che si stampa sulla traversa. Dopo 29 secondi dal faceoff di inizio seconda frazione la seconda rete è comunque servita: il Kazakistan macina gioco in powerplay ed è Yevgeniy Rymarev a beffare Waselenchuk sotto le gambe. Gli USA ci provano poi con più insistenza, ma non riescono a impensierire Yankov e devono ancora difendersi dalle continue sfuriate offensive dei kazaki. Dopo nemmeno due minuti dall'inizio del terzo tempo, però, il Kazakistan passa ancora: contropiede di Rymarev, che tutto solo davanti a Waselenchuk cala tris e doppietta personale.

    Gli Stati Uniti provano a crederci con il goal di Murphy, ma dopo soli 42 secondi i kazaki ripristinano a tre le reti di vantaggio grazie ad Alexandr Lipin, che trafigge ancora il goalie americano. E' il colpo del K.O. per i ragazzi di coach Scott Balboni, che subiscono anche la quinta rete con l'azione personale di Nikita Kovzalov, per il 5 a 1 finale.

    Risultati di oggi:

    Semifinali:

    Russia-Canada 1-2 (0-1, 0-0, 1-1)
    Tabellino: http://winteruniversiade2013.sportresult.com/fisu/en/-60/Root/ViewPdf/IHM400201_C74_3.0.pdf

    Kazakistan-Stati Uniti 5-1 (1-0, 1-0, 3-1)
    Tabellino: http://winteruniversiade2013.sportresult.com/fisu/en/-60/Root/ViewPdf/IHM400202_C74_3.0.pdf

    Finale 5°/6° posto:

    Italia-Slovacchia 2-4 (1-1, 1-1, 0-2)
    Tabellino: http://winteruniversiade2013.sportresult.com/fisu/en/-60/Root/ViewPdf/IHM400103_C74_3.0.pdf

    Finale 7°/8° posto:

    Lettonia-Repubblica Ceca 1-8 (0-1, 0-3, 1-4)
    Tabellino: http://winteruniversiade2013.sportresult.com/fisu/en/-60/Root/ViewPdf/IHM400104_C74_3.0.pdf
     
    Programma di domani :

    Finale 3°/4° posto
    Alba di Canazei, 10:30: Stati Uniti-Russia

    Finale 1°/2° posto
    Alba di Canazei, 14:30: Canada-Kazakistan

    2535

Pagine