Comunicati stampa

Pagine

  • 20/12/2013
    SALTO: BIEGUN VINCE SULLE ORME DI MALYSZ E STOCH
    Nell'HS 134 il 19enne polacco non trova rivali

    Il polacco Krzysztof Biegun ha vinto la medaglia d'oro di salto con gli sci sul trampolino HS134 di Predazzo nella XXVI Winter Universiade Trentino 2013. Il diciannovenne studente di Scienze Motorie all'Università di Katovice, vincitore della prima gara di Coppa del Mondo della stagione a fine novembre a Kliegenthal, ha fatto segnare il miglior punteggio in entrambe le sessioni, chiudendo in vetta alla classifica con 278.6 punti per superare il finlandese Sami Niemi (267.4) ed il giapponese Junshiro Kobayashi (259.2).

    La Polonia continua dunque a mantenere la favorevole tradizione sui trampolini di Predazzo: in entrambe le edizioni dei campionati mondiali disputati su questi impianti, le prove sul Large Hill hanno avuto vincitori polacchi, l'eroe nazionale Adam Malysz nel 2003 (tra l'altro Malysz è stato nominato cittadino onorario di Predazzo) e Kamil Stoch nel 2013.

    Biegun ha così completato con tre medaglie l'esperienza alla XXVI Winter Universiade Trentino 2013: prima del trionfo odierno il polacco aveva chiuso al secondo posto la prova inaugurale sull'HS106 (alle spalle di Niemi, oggi secondo) per poi trainare la sua nazionale al titolo universitario nella prova a squadre. Stesso bottino, ma appena meno prezioso per Niemi che oltre all'argento odierno ha raccolto l'oro nell'individuale sull'HS106 e l'argento nella prova mista a squadre.

    "Ho fatto un primo salto grandioso e da questa Universiade torno a casa ultra soddisfatto. Adesso punto all’oro di Sochi!” Ha commentato, scherzando, il vincitore di giornata.

    Per quanto riguarda l'Italia, entrambi i saltatori azzurri si sono qualificati per la seconda sessione di salti: Alessio De Crignis ha chiuso la prova in 15ima posizione con 238.7 punti, Michael Lunardi in 22ima a quota 216.8.

    I RISULTATI:

    http://winteruniversiade2013.sportresult.com/fisu/en/-60/Root/ViewPdf/SJ...

    2515
  • 20/12/2013
    SHORT TRACK: LA COREA SI AGGIUDICA LA STAFFETTA FEMMINILE
    Storico oro al maschile per la staffetta ungherese

    Corea e Ungheria conquistano l'oro nelle staffette alla Winter Universiade Trentino 2013 sotto gli occhi attenti del presidente della Fisu Claude-Louis Gallien. Tutti attendevano la Cina nella prova sui 3000 metri femminile, invece, la compagine asiatica ha dovuto alzare bandiera bianca a causa di una caduta. L’oro se lo aggiudica così la Corea, brava a gestire la testa della corsa dopo l’uscita di scena delle avversarie più accreditate. Argento a sorpresa per la Russia, in posizione passiva per tutta la gara, ma lesta a sfruttare gli errori delle rivali. Un po’ di disappunto per l’Ungheria, in lotta con la Corea fino ai giri finali, quando Andrea Keszler si è sbilanciata, mancando l’ultimo cambio e trovandosi così costretta a concludere lei, stremata, la gara.

    L’Ungheria però si prende una clamorosa rivincita nella gara maschile sui 5000 metri. Con un ultimo giro impressionante, Viktor Knoch supera il canadese Patrick Duffy e resiste al suo tentativo di rimonta, beffandolo al fotofinish e conquistando l'oro. Il bronzo se lo aggiudica, invece, la Russia. Nella finale B la Corea si prende la rivincita per l’eliminazione di ieri a causa di una caduta e sbriciola il record delle Universiadi: 6:40.748 contro il 6:51.506 realizzato ieri nella semifinale dal Canada.

    Euforico l’eroe di giornata, Viktor Knoch, per aver regalato il primo oro nello short track all’Ungheria nella storia delle Universiadi: "Non avevamo mai vinto nulla con la staffetta maschile e questo successo è stato fantastico. Ad Erzurum 2011 avevamo vinto solo un bronzo con la squadra femminile, stavolta invece torniamo a casa dal Trentino con una medaglia per tipo, grazie anche all’argento di Bernadett Heidum nei 1500 ed al bronzo di oggi delle ragazze".

    Classifica staffetta femminile: http://winteruniversiade2013.sportresult.com//HIDE/en/-60/Root/ViewPdf/STW430100_C73B_1.0.pdf

    Classifica staffetta maschile: http://winteruniversiade2013.sportresult.com//HIDE/en/-60/Root/ViewPdf/STM450100_C73B_1.0.pdf

    2510
  • 20/12/2013
    HOCKEY MASCHILE: NEL TORNEO MASCHILE L'ITALIA CHIUDE SESTA
    Tre reti di Martin Baran e una di Radovan Cutt regalano alla Slovacchia il quinto posto nel torneo maschile di hockey alla Winter Universiade Trentino 2013

    Tre reti di Martin Baran e una di Radovan Cutt regalano alla Slovacchia il quinto posto nel torneo maschile di hockey alla Winter Universiade Trentino 2013. A farne le spese l'Italia di Fabio Polloni sconfitta 4-2 nella finalina di consolazione disputata allo stadio del ghiaccio di Cavalese, in Val di Fiemme. Una gara giocata comunque a buoni ritmi, nonostante non ci fossero medaglie in palio. Gli azzurri hanno forse sfruttato poco il gioco in power play lasciando spesso l'iniziativa agli slovacchi, bravi a rilanciare la manovra offensiva e ad occupare tutti gli spazi in campo nell'arco delle tre frazioni. Nota di merito, comunque, a Gianluca Vallini, portiere azzurro originario di Canazei, spesso determinante nel neutralizzare azioni d'attacco avversarie. Oltretutto, sul finale, il numero 1 classe '93 ha anche parato il rigore di Peter Boltun. Gli azzurri hanno tentato il tutto per tutto giocando, senza portiere nei minuti finali; ma questo ha creato le condizioni per il quarto gol slovacco.

    Finale 5°-6° posto maschile:

    Italia-Slovacchia 2-3 (1-1, 1-1, 0-1)
    Qui il tabellino: http://winteruniversiade2013.sportresult.com//HIDE/en/-60/Root/ViewPdf/IHM400103_C74_3.0.pdf

    2473
  • 20/12/2013
    NEL FONDO COMANDA ANCORA LA RUSSIA: ORO USATOVA
    Argento e bronzo alla Norvegia

    La russa Oxana Usatova ha vinto a Lago di Tesero l'ultima medaglia d'oro in palio nel fondo femminile alla XXVI Winter Universiade Trentino 2013. La venticinquenne siberiana, studentessa dell'Università di Omsk ha completato i 15km in tecnica classica in 42:50.4, superando nel finale le due norvegesi Marte Monrad-Hansen, seconda a +3.6, ed Astrid Oeyre Slind che si è messa al collo il bronzo con un distacco di 4.6 secondi.

    Per l'Usatova si tratta del secondo oro a Trentino 2013, dopo il successo nella sprint - sempre a tecnica classica - disputata sabato 14 dicembre scorso.

    La gara si è risolta nel finale, quando al comando si era formato un gruppo di 7 atlete che comprendeva anche le altre russe Repnitsyna, Tsareva, Kuramshina e la svedese Larsson. Nell'ultimo giro prima la Slind e successivamente la stessa Usatova hanno provato a imporre l'accelerazione decisiva, tentativi che hanno portato alla scrematura del gruppo di testa. Nel chilometro finale, la Usatova ha attaccato in salita, guadagnando quei metri di vantaggio che le hanno consentito di tagliare il traguardo in prima posizione. A completare il podio sono state quindi le due norvegesi: anche per la Slind si tratta della seconda medaglia alla XXVI Winter Universiadi, dopo il successo nell'individuale in tecnica libera del 17 dicembre scorso.

    RISULTATI: http://winteruniversiade2013.sportresult.com/fisu/en/-60/Root/ViewPdf/CCW715101_C73E_1.0.pdf

    2453
  • 20/12/2013
    CURLING - LA SVEZIA CONQUISTA L'ORO NEL TORNEO MASCHILE
    Grazie al successo per 9-5 contro la Gran Bretagna nella finale di questo pomeriggio, la Svezia ha conquistato la medaglia d'oro nel torneo maschile di curling alla XXVI Winter Universiade Trentino 2013.

    Grazie al successo per 9-5 contro la Gran Bretagna nella finale di questo pomeriggio, la Svezia ha conquistato la medaglia d’oro nel torneo maschile di curling alla XXVI Winter Universiade Trentino 2013.

    Nell'incontro disputato a Baselga di Pinè, la squadra svedese, composta da Markus Eriksson, Oskar Eriksson, Kristian Lindstroem e Christoffer Sundgren si è portata al comando (8-2 al settimo end) e ha poi potuto controllare, subendo solo una parziale rimonta della Gran Bretagna (terza nel round robin con 6 vittorie e 3 sconfitte) che ha condotto al 9-5 finale.

    Già nella girone di qualificazione la Svezia aveva fatto intuire di ambire al successo finale, completando il cammino del round robin con 8 vittorie ed una sola sconfitta. Oggi non ha fatto altro che tener fede alle promesse dei giorni scorsi.

    Per la formazione inglese composta da Thomas Muirhead, Derrick Sloan, Cammy Smith, Kyle Smith e Kyle Waddell è comunque arrivata la soddisfazione della medaglia d'argento.

    La medaglia di bronzo era stata conquistata ieri dal Canada, vincitore sulla Norvegia per 6-5 all’extra-end.

    Lo skip svedese Oskar Eriksson, 22enne studente dell'Università di Karlstad ha così commentato la partita decisiva: “Una medaglia che voglio dedicare alla Svezia ed ai tifosi che ci hanno accompagnato anche oggi in questo palazzetto. Siamo una squadra giovane che sta cercando di fare esperienza anche a livello internazionale. Questa è stata la nostra prima vittoria in un torneo di alto livello, speriamo di continuare così, ma nel frattempo vogliamo gustarci fino in fondo questa splendida medaglia d’oro”.

    Kurt Mikael Hasselborg, Team Leader della Svezia, aggiunge: “Abbiamo presentato alle Universiadi Trentine una squadra giovane ma già competitiva e pronta a fare bene. Le Universiadi sono state una preziosa occasione per fare esperienza e per costruire un gruppo forte di cui sentiremo parlare ancora. E’ stato un torneo difficile e combattuto in ogni partita, ma alla fine credo che la nostra vittoria sia davvero meritata”.

    Game Results: http://winteruniversiade2013.sportresult.com/fisu/en/-60/Root/ViewPdf/CUM400101_C73_1.0.pdf

    2451
  • 20/12/2013
    BIATHLON: NELLE MASS START VITTORIE PER PIDRUCHNYI (UKR) E LANDOVA (CZE)
    L'ucraino Dmytro Pidruchnyi e la ceca Jitka Landova hanno vinto questa mattina a Lago di Tesero le mass start di Biathlon alla XXVI Winter Universiade Trentino 2013.

    L'ucraino Dmytro Pidruchnyi e la ceca Jitka Landova hanno vinto questa mattina a Lago di Tesero le mass start di Biathlon alla XXVI Winter Universiade Trentino 2013. Sul podio della gara maschile sono saliti anche il ceco Tomas Krupcik ed il russo Dmitrii Elkhin mentre in campo femminile l'argento è andato alla polacca Weronika Nowakowska-Ziemniak (poker di medaglie per lei a Trentino 2013) ed il bronzo all'ucraina Irina Varvynets.

    Piuttosto netta la vittoria di Pidruchnyi nella 15km maschile: il 22enne studente dell'Università di Ternopil ha messo in mostra un'alta precisione al poligono (1 solo errore) ed una notevole solidità sugli sci (terzo tempo assoluto), mettendo sin da subito una seria ipoteca sul successo finale.

    Pidruchnyi ha completato la prova in 39:00.8 lasciando a 28.4 secondi Krupcik (2 errori) e a 30.5 Elkhin (1 errore). Quarto posto, quindi, per il minore dei fratelli Krupcik, Matej.

    Con l'oro odierno Pidruchnyi completa la propria collezione di medaglie a Trentino 2013 dopo l'argento nella staffetta mista ed il bronzo nella sprint: “Mi mancava proprio l’oro – ha commentato l’ucraino al termine – e mi sentivo di poter fare una buona gara. Preferisco le mass start alle individuali e sia nella parte di fondo che al poligono ero oggi molto concentrato.

    La prova femminile ha avuto un finale davvero spettacolare. Dopo i primi due poligoni, la polacca Weronika Nowakowska-Ziemniak sembrava avviata verso la terza vittoria personale a Trentino 2013 potendo amministrare una dozzina di secondi di margine sulla ceca Jitka Landova, entrambe senza errori al tiro. Il primo poligono in piedi ha però ridisegnato la classifica: tre errori per la polacca, due per la ceca e tutto da rifare, con l'ucraina Irina Varvynets a completare il terzetto di fuggitive.

    All'ultimo poligono sia Landova che Nowakowska-Ziemniak non hanno commesso errori, giocandosi quindi la vittoria negli ultimi 2 km di fondo. Sul rettilineo finale la Landova ha acciuffato il successo (38:41.8)  approfittando della caduta dell'avversaria, sbilanciatasi nel tentativo di allungo sul traguardo. Terzo posto quindi per la Varvynets, staccata di 56 secondi. Nessuna italiana era al via della prova.

    Cospicuo il bottino della Weronika Nowakowska-Ziemniak a Trentino 2013: in 4 gare  individuali, la 27enne polacca ha saputo cogliere 2 medaglie d'oro (Sprint e Pursuit) e altrettante d'argento (Individuale e Mass Start) mentre la Landova prima del successo di oggi aveva colto il bronzo nella staffetta mista e nell'individuale.

    RISULTATO MASCHILE http://winteruniversiade2013.sportresult.com/fisu/en/-60/Root/ViewPdf/BTM715101_C73E_1.0.pdf

    RISULTATO FEMMINILE http://winteruniversiade2013.sportresult.com/fisu/en/-60/Root/ViewPdf/BTW712101_C73E_1.0.pdf

    2425
  • 20/12/2013
    CURLING: L'ORO FEMMINILE E' DELLA RUSSIA
    In finale superata la Corea per 8-4
    2417
  • 20/12/2013
    Oracle è sponsor dell'Universiade Invernale Trentino 2013 con il social
    L'evento sportivo giovanile internazionale sceglie Oracle Social Cloud come piattaforma globale per la gestione dei Social Media e delle attività Web

    In breve

    I Social Media sono oggi il canale privilegiato di comunicazione soprattutto per le giovani generazioni e da cio' deriva la scelta del Comitato Organizzatore della Universiade Invernale Trentino 2013, la piu' importante manifestazione sportiva giovanile al mondo, di puntare proprio sui Social Media per alimentare la relazione con i giovani atleti e con il pubblico che assistera' ai diversi appuntamenti in calendario dall’11 al 21 dicembre prossimo. In particolare, per gestire le attivita' di comunicazione su Facebook, Twitter e YouTube, il Comitato Organizzatore della 26esima Universiade Invernale fara' leva sulle applicazioni cloud di Oracle, sponsor tecnico della manifestazione.

    La notizia

    • Oracle e' sponsor tecnico dell’Universiade Invernale Trentino 2013, la piu' importante manifestazione sportiva giovanile al mondo, la cui 26esima edizione si svolgera' dall’11 al 21 dicembre prossimo presso le piu' suggestive localita' del Trentino. In qualita' di partner tecnico, Oracle mettera' a disposizione del Comitato Organizzatore le proprie applicazioni Oracle Social Cloud per governare tutte le attivita' di comunicazione sui social media e sul web.

    • Oracle Social e' una piattaforma unificata per la gestione dei social media che fornisce funzionalita' uniche per l’ascolto, la pubblicazione, il coinvolgimento, l’analisi e la creazione dei contenuti attraverso una sola interfaccia. Il Comitato Organizzatore potra' dunque fare leva su tale piattaforma, leader di mercato, per monitorare tutte le interazioni che si svolgono sui social network intorno alla manifestazione sportiva e per intraprendere coinvolgenti attivita' di social e digital marketing legate all’evento.

    • All’Universiade Trentino 2013 sono attesi oltre 3.600 giovani atleti e tecnici di 61 nazioni, che si contenderanno 78 medaglie d’oro di fronte a un vasto pubblico di appassionati. La manifestazione coinvolgera' dunque a vario titolo – sia sul piano degli sportivi in gara sia su quello degli spettatori che assisteranno alle numerose competizioni – un’ampia schiera di giovani che ormai considerano i Social Media una fonte privilegiata di informazioni e un mezzo privilegiato di comunicazione. Il Comitato Organizzatore della 26esima Universiade Invernale ha deciso dunque di puntare moltissimo sui nuovi mezzi di comunicazione social, con canali Facebook, Twitter e YouTube che andranno a costituire un luogo primario di interazione per gli atleti e il pubblico dell’evento.

    • All’interno dell’ampia gamma di funzionalita' proposte, Oracle Social offre anche capacita' avanzate di ascolto multi-lingua a un’interfaccia utente tradotta in 31 lingue che la rendono uno strumento essenziale per eventi globali come l’Universiade Invernale.

    • Per governare al meglio la comunicazione sui Social Media, il Comitato Organizzatore ha scelto di avvalersi del supporto di Real Web, digital agency di Trento, e ha stretto una collaborazione tecnica con Oracle per avere a disposizione un’unica piattaforma completa, accessibile nel cloud, per gestire tutte le iniziative social.L’ascolto e l’analisi delle interazioni social condotta tramite Oracle Social fornisce, grazie alle funzionalita' di filtro dei dati,insight approfonditi

    e precisi e indicazioni utili a indirizzare l’attivita' di comunicazione. La soluzione consente inoltre di sviluppare e pubblicare tutti i contenuti sui diversi canali in maniera semplice, coordinata e coerente. Tale applicazione, infine, permette anche di gestire contest coinvolgenti in cui la Rete sara' chiamata a votare i migliori contenuti postati dagli atleti.

    Dichiarazione a supporto

    • “I Social Media stanno profondamente modificando il modo di vivere delle persone e i modi in cui ciascuno di noi prende parte a ogni tipo di evento, sia esso sportivo, di spettacolo o anche, perche' no, aziendale. Il Comitato Organizzatore dell’Universiade Invernale Trentino 2013 ha ben presente questo fenomeno ed e' per questo che ha messo i Social Media al centro del proprio sistema di comunicazione”, ha commentato Giovanni Ravasio, Applications Country Leader di Oracle Italia. “Come Oracle siamo lieti di sostenere una manifestazione sportiva cosi' importante con le nostre applicazioni nel cloud per la gestione dei social media. Un’attivita' efficace di social media management contribuira' di certo a rendere l’evento nel suo complesso un’esperienza piu' ricca e coinvolgente per il vasto pubblico di atleti e appassionati”.

    Risorse a supporto

    • Universiade Invernale Trentino 2013

    • L’Universiade Invernale Trentino 2013 su Facebook, Twitter e YouTube

    • Real Web

    • Oracle Social Cloud

    • Oracle Social Engagement & Monitoring Cloud Service

    • Oracle Social Marketing Cloud Service

    • Leggi il blog italiano relativo alle Oracle Applications

    • Unisciti al gruppo italiano dedicato alle Oracle Applications su LinkedIn

    2391
  • 20/12/2013
    IL PROGRAMMA DI VENERDI' 20: BEN 13 TITOLI IN PALIO
    Il penultimo giorno della XXVI Winter Universiade Trentino 2013 sarà il più ricco, con le sue 13 medaglie d'oro in palio in ben 7 discipline

    Il penultimo giorno della XXVI Winter Universiade Trentino 2013 sarà il più ricco, con le sue 13 medaglie d'oro in palio in ben 7 discipline: sci alpino a Pozza di Fassa, sci di fondo e biathlon a Lago di Tesero, salto a Predazzo, Hockey femminile a Pergine Valsugana, Short Track a Trento e Curling a Baselga di Pinè.

    I primi titoli ad essere assegnati saranno quelli del Curling a Baselga di Pinè, con la finale del torneo femminile in programma alle 9:00, seguita alle 14:00 dall'ultima sfida del torneo maschile.

    In tarda mattinata toccherà quindi ai biathleti cimentarsi nella duplice mass start: apertura riservata alla gara maschile sulla distanza di 15km (ore 11:00), cui seguirà alle 12.30 la prova femminile di 12.5 km. Nello stesso scenario del centro del fondo di Lago di Tesero alle 16 scatterà la 15km Mass Start femminile in tecnica classica mentre a Predazzo toccherà ai protagonisti del salto sfidarsi sull'HS134 (18:00).

    In serata saranno i riflettori della pista Alloch di Pozza di Fassa ad illuminare lo slalom femminile, prova che completerà il programma dello sci alpino, assegnando anche il titolo della combinata,

    Per quanto riguarda lo short track, il Palaghiaccio di Trento vedrà la disputa delle finali dei 1000 (maschile e femminile, ore 14) e a seguire delle due staffette, i 3000 femminili ed i 5000 maschili.

    Il gran finale di giornata sarà riservato all'hockey femminile, con la finalissima tra Russia e Canada prevista a Pergine Valsugana alle 20; in precedenza alle 16 Usa e Giappone giocheranno per il bronzo.

    Ad Alba di Canazei invece, dalle 16.30 lo spettacolo sarà assicurato dalle semifinali del torneo maschile: Russia-Canada cui seguirà Kazakistan-Stati Uniti.

    GLI ITALIANI IN GARA

    In una giornata tanto ricca, risulta numerosa anche la presenza italiana sul campo. Allo slalom femminile sono iscritte le liguri Elena Re e Valentina Cillara Rossi, Gaia Martinelli, Giulia Borghetti e le sudtirolesi Carmen Geyr e Lisa Pfeifer mentre nelle due mass start di biathlon dovrebbero essere al via Alberto Tagliati e Veronica Bessone.

    Nello short track i 1000 metri saranno affrontati dalla bolzanina Federica Tombolato, da Pietro De Lorenzis, Matteo Compagnoni ed Edoardo Reggiani.

    L'ultima gara di fondo femminile registra invece le iscrizioni di Erica Magnaldi, Valentina Ponte e della padrona di casa Stefania Zanon con i saltatori friulani Alessio De Crignis e Michael Lunardi.

    CERIMONIE DI PREMIAZIONE

    Tutte le medaglie della giornata di venerdì 20 dicembre saranno consegnate al termine delle singole competizioni sui rispettivi campi di gara.

    PROGRAMMAZIONE TV:

    La Rai seguirà in diretta dalle 13.30 alle 17.30 diversi campi di gara.

    Sarà inoltre possibile seguire la XXVI Winter Universiade Trentino 2013 su Eurosport:

    8:30 - Sci di fondo, staffetta 4x10 maschile (replica) su Eurosport 1
    10:00 - Biathlon, staffetta mista (replica) su Eurosport 1
    10:45 - Biathlon, 15km maschile mass start su Eurosport 1
    12:30 - Biathlon, 12,5 femminile mass start su Eurosport 2
    13:15 - Short track, 500 metri uomini e donne (replica) su Eurosport 2

    14:00 - Short track, 1000 metri uomini e donne su Eurosport 2
    15:15 - Biathlon, 15 km maschile mass start (replica) su Eurosport 1
    16:00 - Biathlon, Sci di fondo, 15km femminile TC mass start su Eurosport 1
    16:30 - Hockey maschile, Russia - Canada su Eurosport 2
    16:45 - Sci Alpino, slalom speciale femminile su Eurosport 1
    18:00 - Salto, HS134 maschile su Eurosport 1

    20:00 - Sci Alpino, slalom speciale femminile, 2nda manche su Eurosport 1
    20:30 - Hockey maschile, Kazakistan - Usa su Eurosport 2

    2248
  • 19/12/2013
    HOCKEY MASCHILE: L'ITALIA BATTE LA LETTONIA 4-1
    Domani finale per il 5° posto con la Slovacchia

    Dopo l'eliminazione dai quarti di finale da parte degli Stati Uniti, l'Italia si riprende dalla cocente delusione e vince la semifinale del torneo di consolazione (5°-8° posto) contro la Lettonia per 4 a 1, andando a segno quattro volte nel secondo periodo. Gli azzurri potranno così andarsi a giocare il quinto posto contro la Slovacchia domani alle 16 a Cavalese. Nel pomeriggio, infatti, gli slovacchi hanno avuto la meglio sulla Repubblica Ceca con il punteggio di 4 a 1: domani alle 20, sempre a Cavalese, i cechi affronteranno la Lettonia nella finale di consolazione per il settimo e ottavo posto.

    Per l'Italia, nel match di stasera contro la Lettonia, primo goal stagionale per Enrico Miglioranzi, che si sblocca dopo un lungo digiuno: “Ci voleva – spiega il difensore – è sempre bello fare goal con la Nazionale. Resta il rammarico per il match contro gli USA, siamo entrati distratti forse pensando fosse più facile, ma abbiamo dimenticato tutto in fretta con la buona prestazione di stasera: domani contro la Slovacchia daremo il massimo, è sicuramente una squadra di grande talento, ma possiamo giocarcela”.

    Per gli azzurri, oltre a Miglioranzi, sono andati a segno anche Federico Gilmozzi e Simon Kostner, quest'ultimo autore di una doppietta.

    Con i match disputati in giornata a Cavalese, intanto, sono state assegnate le posizioni di fondo classifica: nel pomeriggio l'Ucraina ha avuto la meglio sulla Svezia all'overtime con il punteggio di 6 a 5, conquistando il nono posto. In serata invece il Giappone ha superato agilmente la Gran Bretagna con un netto 7 a 2, chiudendo il torneo in decima posizione.

    Nel torneo femminile, vittoria della Gran Bretagna 3-1 sulla Spagna nella finale 5°-6° posto.

    Torneo maschile

    Semifinale 5°-8° posto:
    Slovacchia-Repubblica Ceca 4-1 (0-1, 1-0, 3-0)
    Qui il tabellino: http://winteruniversiade2013.sportresult.com//HIDE/en/MedalTally/Root/ViewPdf/IHM400203_C74_3.0.pdf

    Semifinale 5°-8° posto:
    Italia-Lettonia 4-1 (0-0, 4-1, 0-0)
    Qui il tabellino: http://winteruniversiade2013.sportresult.com//HIDE/en/MedalTally/Root/ViewPdf/IHM400204_C74_3.0.pdf

    Finale 9°-10° posto:
    Ucraina-Svezia 6-5 (1-0, 2-2, 2-3, 1-0)
    Qui il tabellino: http://winteruniversiade2013.sportresult.com//HIDE/en/MedalTally/Root/ViewPdf/IHM400105_C74_4.0.pdf

    Finale 11°-12° posto:
    Giappone-Gran Bretagna 7-2 (4-2, 0-0, 3-0)
    Qui il tabellino: http://winteruniversiade2013.sportresult.com//HIDE/en/MedalTally/Root/ViewPdf/IHM400106_C74_3.0.pdf

    Torneo femminile

    Finale 5°-6° posto:
    Gran Bretagna-Spagna 3-1 (3-0, 0-0, 0-1)
    Qui il tabellino: http://winteruniversiade2013.sportresult.com//HIDE/en/MedalTally/Root/ViewPdf/IHW400103_C74_3.0.pdf

    2376
  • 19/12/2013
    RASANEN TRIONFA A SORPRESA IN SLALOM
    Argento e bronzo per Zampa e Kryzl, quinto posto per Riccardo Tonetti

    Il finlandese Joonas Rasanen ha vinto lo slalom speciale della XXVI Winter Universiade Trentino 2013 disputato in notturna sulla pista Alloch di Pozza di Fassa. Il 24enne di Levi ha meritato la medaglia d'oro grazie ad una perentoria rimonta nella seconda manche, dopo aver chiuso in quarta posizione la prima frazione: 1:32.09 il suo tempo finale

    Con lui sul podio sono saliti lo slovacco Adam Zampa (+0.16) ed il ceco Krystof Kryzl, entrambi atleti nel giro della Coppa del Mondo; miglior italiano è stato il bolzanino Riccardo Tonetti, quinto e rallentato da un grave errore nella prima frazione, conclusa in decima piazza.

    La vittoria di Rasanen può essere considerata una sorpresa, proprio alla luce del valore degli sfidanti, ma il finlandese ha saputo destreggiassi alla perfezione tra i paletti della pista Alloch, piazzando l'allungo decisivo proprio nella seconda parte della pista.

    Per Zampa non c'è stato nulla da fare: nemmeno una seconda manche senza errori gli ha consentito di mantenere la leadership e al traguardo non ha potuto che accontentarsi dell'argento.

    Per Kryzil invece la medaglia di bronzo ha il sapore del successo, considerando che a metà gara era solo nono, appena davanti a Tonetti.

    Proprio il finanziere bolzanino può recriminare a volontà: il grave errore nel cuore della prima frazione l'ha condannato a restare lontano dalla zona medaglie, un traguardo che per quanto visto poteva essere tranquillamente alla sua portata.

    Per quanto riguarda gli italiani, l'unico altro azzurro al traguardo è stato il fassano Francesco Romano, 17imo alla fine dopo aver chiuso la prima manche in 23ima piazza.

    Nella classifica della combinata oro per il Principato di Monaco con Olivier Jenot, davanti a Blaise Giezendanner (FRA) e al ceco Ondrej Berndt (CZE): la classifica è stata computata sulla base dei risultati delle 4 prove disputate.

    Domani sera, sempre sulla pista Alloch lo slalom femminile completerà il programma dello sci alpino alla XXVI Winter Universiade Trentino 2013: prima manche alle 17, seconda alle 20.

    Joonas Rasanen (FIN): “Ho dato il meglio, è la mia prima esperienza alle Universiadi; è stata una settimana di divertimento e la medaglia d'oro è la conclusione perfetta. Una gara impegnativa, su un tracciato fantastico e divertente. Nella seconda ho attaccato il tutto per tutto perché sapevo che eravamo in tanti in pochi centesimi. Stasera si festeggia con la mia squadra. Spero davvero che questo risultato possa essere da motivazione per il prosieguo della stagione in Coppa Europa”.

    Adam Zampa (SVK): “Questa pista è impegnativa. Devo ammettere che ho probabilmente ho perso l'oro nella prima parte della seconda manche dove sono stato troppo lento. Il bilancio di queste Universiadi è comunque positivo, anche se in gigante ho commesso un grave errore, ma la medaglia alla fine è arrivata e questo è l'aspetto più importante”.

    Riccardo Tonetti: “Male la prima, buona la seconda. Purtroppo nel primo tracciato ho fatto un brutto errore e mi sono praticamente fermato. Nella seconda manche sono riuscito ad interpretare meglio il tracciato sciando molto bene, a parte nel finale dove potevo fare meglio. Ci tenevo tanto a fare bene in questa Universiade che avevo messo nel mirino sin da questa primavera quando avevo vinto il titolo tricolore sempre in Trentino. Volevo portare una medaglia alla mia facoltà di Economia e Management di Trento. Peccato”.

    Risultati dello Slalom: http://winteruniversiade2013.sportresult.com/fisu/en/-60/Root/ViewPdf/ASM020102_C73C_1.0.pdf

    Risultati della Combinata: http://winteruniversiade2013.sportresult.com/fisu/en/-60/Root/ViewPdf/ASM105A01_C73A_1.0.pdf

    2356
  • 19/12/2013
    SHORT TRACK, 500 METRI ORO E RECORD PER IL COREANO LEE
    Tra le donne vince la debuttante Wang Xue

    Sono ancora Corea e Cina a trionfare nello short track alla XXVI Winter Universiade Trentino 2013. Nella seconda giornata di gare al Palaghiaccio di Trento, il coreano Lee Hyo Been non ha rivali nella finale dei 500 metri e si aggiudica l’oro per distacco. La battaglia più avvincente è alle sue spalle, con il canadese Patrick Duffy che brucia il cinese Shi Jingnan nella lotta per l’argento. Ancora un quarto posto per il giapponese Hiroki Yokoyama, che ripete il piazzamento di ieri nei 1500 metri.

    Tra le donne, a spuntarla è la cinese Wang Xue, brava a tenere il comando della gara sin dalla partenza, nonostante fosse marcata stretta dalla canadese Caroline Truchon, che si deve così accontentare dell’argento. In virtù della penalty alla russa Emina Malagich, la medaglia di bronzo è andata alla lituana Agne Serakaite.

    Dopo quello di ieri nei 1500, cade anche un altro record delle Universiadi. Già ritoccato nelle heats dal canadese Patrick Duffy (41”433), il nuovo limite diventa 41”383, pattinato in semifinale dal coreano Lee Hyo Been.

    Il migliore degli italiani è Edoardo Reggiani, che riesce a spingersi fino ai quarti di finale. Dopo aver superato il primo scoglio del turno preliminare, il milanese Pietro De Lorenzis si è fermato nelle heats. Subito eliminato anche Matteo Compagnoni, reo di una partenza falsa nel primo turno di giornata dopo aver già ricevuto un warning dalla giuria. Eliminazione nelle heats per la diciannovenne bolzanina Federica Tombolato, unica azzurra in gara nella competizione femminile.

    Successivamente sul ghiaccio sono scese le staffette, impegnate nella qualificazione in vista delle finali di domani.

    In campo femminile il miglior tempo in assoluto è stato siglato dall'Ungheria che con 4:13.353 ha vinto la seconda semifinale migliorando il record delle Universiadi; alle sue spalle la Cina (4:13.446) approda ugualmente alla finale, correndo a sua volta sotto il precedente primato (4:18.097 della Korea ad Erzurum 2011). Nell'altra semifinale passano il turno Korea (4:15.187) e Russia (4:17.654).

    Analogo sviluppo nelle due semifinali maschili: il Canada (6:51.506) si è imposto nella prima migliorando il record delle Universiadi (6:52.559 della Korea ad Innsbruck 2005) davanti alla Francia (6:52.201) che passa a sua volta in finale così come Ungheria (6:54.658) e Russia (6:54.784) che hanno chiuso ai primi due posti la seconda semifinale.

    Domani, venerdì 20 dicembre, è in programma l’ultima giornata dello short track al Palaghiaccio di Trento (inizio ad ore 14). Le medaglie d’oro in palio saranno ben quattro: 1000 metri (maschili e femminili) e staffetta (maschile e femminile).

    Le interviste:
    Wang Xue (oro), 20 anni, iscritta alla Sport University di Ji Lin: "Non mi aspettavo questa medaglia, perché era la prima volta che partecipavo ad una manifestazione così importante a livello internazionale. Ero davvero molto nervosa, ma sono riuscita a gestirmi bene".

    Caroline Truchon (argento), 25 anni, iscritta al CEGEP de Rosemont a Montréal: "Nella prima batteria ho rotto un pattino e pensavo di non farcela. Invece, è andato tutto bene ed una volta in finale mi sono giocata le mie carte. Sono ancora un po’ amareggiata di non essermi piazzata bene nei Trials, perdendo così l’occasione di partecipare all’Olimpiade di Sochi, ma questa medaglia è davvero un bellissimo premio di consolazione".

    Finale 500 M maschile: http://winteruniversiade2013.sportresult.com/fisu/en/-60/Root/ViewPdf/STM005100_C73A_1.0.pdf

    Finale 500 M femminili http://winteruniversiade2013.sportresult.com/fisu/en/-60/Root/ViewPdf/STW005100_C73A_1.0.pdf

    2346
  • 19/12/2013
    SVIZZERA E CANADA DI BRONZO NEL CURLING
    Domani le finali per la medaglia d'oro

    Vanno al team femminile della Svizzera e alla squadra maschile del Canada le medaglie di bronzo del torneo di curling della Winter Universiade Trentino 2013 che si sta concludendo nel palazzetto del ghiaccio di Baselga di Piné.

    Dopo le semifinali della mattinata che avevano promosso alla finale per l’oro di domani Russia e Corea in campo femminile e Svezia e Gran Bretagna nel torneo maschile, questo pomeriggio spazio alle finali per il terzo e quarto posto, con in palio la medaglia di bronzo.

    In campo femminile la Svizzera (team composto da Melanie Barbezat, Nora Maria Baumann, Michele Jaeggi, Corina Mani, Marisa Winkelhausen) ha battuto 8-6 la Gran Bretagna dopo una gara che ha visto le rossocrociate sempre avanti nel punteggio (4-2 al 4° end). Un risultato che ripaga solo in parte la Svizzera, una delle favorite per il successo, dopo il mancato accesso alla finalissima.

    In campo maschile la finale per il bronzo è stata molto più incerta e combattuta, con il Canada che ha superato la Norvegia 6-5 solo all’extra end. Per i canadesi Brendan Bottcher, Parker Konschuh, Mick Lizmore, Martin Karrick e Brad Thiessen una vittoria sofferta dopo la sconfitta a sorpresa in semifinale per mano della Svezia.

    Il torneo di curling alla Winter Universiade Trentino 2013 si chiuderà domani alle 9 con la finale femminile Russia-Corea e alle 13.30 con il match maschile per la medaglia d’oro tra Svezia e Gran Bretagna.

    Game Results Gran Bretagna-Svizzera 6-8: http://winteruniversiade2013.sportresult.com//HIDE/en/-60/Root/ViewPdf/CUW400102_C73_1.0.pdf

    Game Results Canada-Norvegia 6-5: http://winteruniversiade2013.sportresult.com//HIDE/en/-60/Root/ViewPdf/CUM400102_C73_1.0.pdf

    2341
  • 19/12/2013
    SPEED SKATING: DOPPIO ORO COREANO NELLA TEAM PURSUIT
    Italia due volte di bronzo, al femminile e al maschile

    Doppio successo coreano (al maschile e al femminile) nella team pursuit che questo pomeriggio ha chiuso il programma del pattinaggio di velocità alla Winter Universiade Trentino 2013, con una doppia medaglia di bronzo per l'Italia.

    Tutto facile per la Corea nella finale maschile per la medaglia d'oro disputata contro la Russia, vinta con il tempo di 3:48.81. La vittoria bis coreana è arrivata nella gara femminile, con Kim Bo Reum, Park Doyoung, Yang Shin Young che hanno chiuso la loro prova in 3:06.53 superando il Giappone (3:11.39)

    Nella team pursuit femminile la squadra azzurra – composta da Francesca e Giulia Lollobrigida e da Francesca Bettrone - ha conquistato una splendida medaglia di bronzo, riuscendo a vincere la finale per il terzo posto. Dopo aver ottenuto il terzo tempo nelle qualifiche della mattinata con il tempo di 3.14.33, le azzurre hanno condotto una gara molto attenta e controllata superando solo a due giri dal termine la Norvegia e concludendo con il tempo di 3.13.07, di 60 centesimi più basso rispetto a quello delle scandinave.

    Nella finale per la medaglia d’oro, invece, ennesimo successo della squadra coreana, che, dopo aver ottenuto il miglior tempo in mattinata (3.08.52), ha dominato anche le finale per il titolo con il tempo di 3.06.53 e ha preceduto il Giappone (Abe Yuka, Nagaya Chinatsu, Takahashi Nana) di oltre 5 secondi (3.11.39).

    Terzo posto e medaglia di bronzo anche per il terzetto maschile italiano composto da Andrea Giovannini, Mirko Nenzi e Jan Daldossi, che, dopo aver fallito l’ingresso alla finale per l’oro per soli 4 centesimi ( 3.51.66), hanno dato il meglio di sé nella prova per il bronzo. L’Italia ha sempre mantenuto il comando ed ha chiuso in 3.53.34, riuscendo a battere il Giappone per quasi 3 secondi (3.56.18 il tempo dei giapponesi).

    La medaglia d’oro è andata alla favorita Corea (Joo Hyong Jun, Kim Cheol Min, Ko Byung Wook) con il tempo di 3.48.81, di quasi 9 secondi inferiore rispetto a quello della Russia (Dmitrii, Fedotov, Kirill Golubev e Evgeny Seryaev), costretta ad accontentarsi dell’argento con il tempo di 3.57.96.

    La Corea domina il medagliere finale dello speed skating alle Winter Universiadi Trentine 2013 con ben 15 medaglie (4 ori, 5 argenti e 6 bronzi). L’Italia è quarta con 5 medaglie (1 oro, 2 argenti e 2 bronzi).

    INTERVISTE
    Una medaglia che vogliamo dedicare alla nostra Università de L'Aquila e alla sua città che sta cercando di risollevarsi dopo il recente terremoto" spiegano le sorelle Francesca e Giulia Lollobrigida, romane ma frequentati la facoltà di scienze motorie a L’Aquila. “Dopo aver ottenuto il terzo posto in qualifica non speravamo in questa medaglia – aggiunge la capitana Francesca LollobrigidaCi siamo dimostrate una grande squadra, grazie anche a Giulia, la più giovane, che ha dato il massimo pur essendo la prima volta che correva nel nostro terzetto. Francesca Bettrone era reduce dall’influenza ma ha voluto correre questa gara e dare il proprio contributo”.

    Vincere una medaglia sulla pista di casa è davvero una soddisfazione doppia, peccato solo di aver fallito per pochi centesimi l’ingresso alla finale per l’oro” spiega il finanziere di Baselga di Pinè Andrea Giovannini. “Siamo stati bravi a non disunirci nonostante qualche difficoltà in curva – aggiunge la medaglia d’oro dei 1.000 metri Mirko Giacomo NenziQuesta è una grande squadra che merita questa medaglia e ora può far bene anche in Coppa del Mondo”. “Voglio dedicare la medaglia ai miei allenatori ma anche al mio primo figlio Max Jan, nato solo qualche giorno fa – spiega l’altoatesino Jan DaldossiQuesto bronzo mi ripaga di tanti allenamenti e sacrifici”.

    Classifica team pursuit maschile: http://winteruniversiade2013.sportresult.com//HIDE/en/-60/Root/ViewPdf/SSM408100_C73E_2.0.pdf

    Classifica team pursuit femminile: http://winteruniversiade2013.sportresult.com//HIDE/en/-60/Root/ViewPdf/SSW406100_C73E_1.0.pdf

    2335
  • 19/12/2013
    HOCKEY, PARTITE DI PIAZZAMENTO
    La Gran Bretagna supera la Spagna e chiude quinta

    Nella sessione pomeridiana del torneo di hockey maschile la Slovacchia ha superato ad Alba di Canazei la Repubblica Ceca per 4-1 nella semifinale dei play-off per le posizioni dalla quinta all'ottava. A Cavalese l'Ucraina ha invece battuto la Svezia per 6-5 all'over-time chiudendo la propria avventura al nono posto.

    Nel torneo femminile, a Pergine Valsugana la Gran Bretagna si è imposta per 3-1 sulla Spagna e ha così conquistato il quinto posto finale.

    Torneo maschile:
    Ucraina - Svezia 6-5 OT (1-0, 2-2, 2-3, 1-0)
    Tabellino: http://winteruniversiade2013.sportresult.com/fisu/en/-60/Root/ViewPdf/IHM400105_C74_4.0.pdf

    Slovacchia - Repubblica Ceca 4-1 (0-1, 1-0, 3-0)
    Tabellino: http://winteruniversiade2013.sportresult.com/fisu/en/-60/Root/ViewPdf/IHM400203_C74_3.0.pdf

    Questa sera sono in programma:
    Ore 20 a Cavalese: Giappone - Gran Bretagna
    Ore 20:30 ad Alba di Canazei: Italia - Lettonia

    Torneo Femminile
    Gran Bretagna - Spagna (3-0, 0-0, 0-1)
    http://winteruniversiade2013.sportresult.com/fisu/en/-60/Root/ViewPdf/IHW400103_C74_3.0.pdf

    2330

Pagine