Trentino

Trentino, cuore dell’Europa

Terra di confine, il Trentino si colloca nel cuore dell’arco alpino, a cavallo fra due delle aree più sviluppate d’Europa: la pianura padana e la Baviera. Con i suoi 530 mila abitanti, il Trentino rappresenta oggi uno dei territori con i più elevati tassi di benessere e di qualità della vita in Italia e in Europa. La peculiare collocazione geografica rende questo territorio una naturale piattaforma produttiva e tecnologica per il business internazionale ed un hub preferenziale per gli scambi tra l’Europa del sud e quella continentale.

6.206,88 (superficie kmq)
530.00 (il numero abitante)
49.000 (le piccole e medie imprese che operano sul territorio)
84,5 (la densità di abitanti per chilometro quadrato)

In Trentino l’ambiente naturale fa la differenza, con il 60% del territorio coperto da foreste, 200 laghi alpini, 3 parchi naturali e le Dolomiti, secondo sito naturale italiano, dopo le isole eolie, ad essere riconosciuto dall’Unesco quale patrimonio naturale dell’umanità.

Le straordinarie condizioni di vivibilità del Trentino e del suo capoluogo, Trento, vengono confermate anche dai ranking europei: l’indagine urban audit, che mette a confronto 80 città europee tra gli 80 mila e i 150 mila abitanti, conferma che la qualità dellla vita di Trento è tra le più alte in Europa.

Gran parte della sua ricchezza deriva dalle attività economiche per le quali è tradizionalmente famoso nel mondo come l’agricolutura di qualità, in particolare la coltivazione del melo e della vite, e l’artigianato che in provincia conta oltre 14.000 imprese, dotate di un “saper fare” fortemente radicato territorialmente e che prodducono ogni giorno progresso e ricchezza per quasi 30.000 famiglie. É l’imprenditore, con la sua competenza e la sua passione a forgiare gli elementi naturali, trasformandoli in servizi e prodotti di nicchia e di qualità distintiva.

Trentino, polo di eccellenza internazionale della formazione e della ricerca

L’autonomia trentina ha permesso di pianificare e finanziare negli ultimi quarant’anni crescenti investimenti nel campo della ricerca & sviluppo, trasformando il sistema trentino in un vero e proprio “polo della ricerca e del sapere” accreditato internazionalmente per i significativi risultati raggiunti. Con oltre 20 centri di ricerca pubblici e privati, un’università ai vertici delle classifiche nazionali e internazionali di settore ed oltre 2.500 ricercatori (il rapporto tra numero di abitanti e numero di ricercaori è tra i più alti d’Italia), la provincia è divenuta un hub di primo rilievo nelle più accreditate reti internazionali della ricerca, che spaziano dagli studi sui materiali alle neuroscienze, dalle nanotecnologie alla genomica, passando per gli algoritmi di riconoscimento vocale. L’obiettivo è di creare un sistema integrato formazione-ricercainnovazione che trasformi il Trento in un “Living Lab”, rafforzandone ulteriormente qualità e internazionalizzazione.

L’Università degli Studi di Trento

L’Ateneo trentino si conferma ai primi posti delle classifiche nazionali del CENSIS (il più accreditato istituto di richerche e indagini di settore in Italia) ed ottiene una significativa collocazione in quelle internazionli che classificano le università più prestigiose nel mondo (World University Rankings). Il successo è motivato dalla eccellenza nella ricerca scientifica, dal grado dell’internazionlaizzazione e dalla soddisfazione degli studenti. Oggi l’Università degli Studi di Trento non è solo il polo formativo più importante della regione (7 facoltà, 22 corsi di laurea triennale, 2 corsi di laurea magistrale a ciclo unico e 27 corsi di laurea magistrale), ma è anche un centro propulsore di ricerca e innovazione che trova tra i suoi interlocutori le imprese operanti sul territorio. In sinergia con centri di ricerca internazionali, le istituzioni pubbliche e le imprese, l’Ateneo ha lanciato programmi di ricerca in settori di punta come l’ICT, la microelettronica, le nanotecnologie e le scienze della vita.